Prestazione occasionale- redazione APE

Prestazione occasionale- redazione APE

 

Q: sono un architetto abilitata ed iscritta dal 2006 all’Albo. A marzo 2015 ho chiuso la P.IVA, per inattività e per essere stata assunta come dipendente in una piccola società. Ad oggi sono nuovamente disoccupata, e non più titolare di P.IVA. Mi è stato richiesto di redigere una  APE. Posso fare questa tipo di prestazione non avendo la P.IVA? Vi prego di darmi una delucidazione in merito. Ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione.

R: l’iscritto all’Albo che non eserciti in modo abituale attività di lavoro autonomo, cioè che non svolge lavoro autonomo con regolarità, sistematicità ed operatività, può svolgere una prestazione di lavoro occasionale, solo se essa ha caratteristiche di saltuarietà, di eccezionalità, di non ripetitività, e venga effettuato in proprio senza vincolo alcuno di subordinazione del committente. In tali condizioni, presenti tutte contemporaneamente, non vi è la necessità di disporre di partita Iva (Cfr in tal senso Consiglio nazionale degli ingegneri Nota – n. 31/2015 – allegata alla circolare n. 488 del 3 febbraio 2015, che fornisce delle precisazioni sulla Nota n. 448 del novembre 2014 “Professionisti iscritti ad albi e prestazioni occasionali”).

A sua disposizione per ulteriori chiarimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cerca nel sito